top of page

๐€๐‚๐๐”๐ˆ๐’๐“๐ˆ ๐๐Ž๐ โ€œ๐€ ๐‘๐„๐†๐Ž๐‹๐€ ๐ƒโ€™๐€๐‘๐“๐„โ€: ๐†IU' ๐‹๐„ ๐Œ๐€๐๐ˆ ๐ƒ๐€ ๐๐”๐„๐‹ ๐•๐€๐’๐Ž!

Passeggiare tra le bancarelle di un mercatino rionale e accorgersi che, tra le tante, ve nโ€™รจ una dove sta facendo bella mostra di se un vaso, un bellissimo vaso per unguenti, dalla forma tonda e sinuosa, dai colori marcatamente caldi e decisi. Sembra un cimelio di cultura ellenistica.

Un dubbio ti assaleโ€ฆ una fantasia si impossessa della tua mente: โ€ฆe se fosse stato scavato e trafugato da un sito archeologico di una colonia greca risalente allโ€™inizio del V secolo a.c.?

In effetti somiglia tanto a quelli che hai ammirato nei musei visitati nel Sud Italia.

Memorie di un viaggioโ€ฆ di unโ€™immersione nelle meravigliose aree archeologiche siciliane.

Lโ€™affascinante reperto rivestito da quella leggera patina, opaca e scorticata, fa pensare ai tanti secoli trascorsi sottoterra.

Caspitaโ€ฆ mentre lo osservi provi la stessa emozione che hai provato davanti alla teca del museo. Lo stesso incantoโ€ฆ

Allora devโ€™essere proprio uno di quelli! Sai che le emozioni non tradiscono e di quelle ti fidi.

Come puรฒ quellโ€™oggetto di inestimabile valore essere finito proprio lรฌ?

Sulla bancarella di un mercato.

๐ˆ๐ฅ ๐ฆ๐ž๐ซ๐œ๐š๐ญ๐จ ๐๐ž๐ฅ๐ฅ๐จ ๐ฌ๐ฏ๐ข๐ฅ๐ข๐ฆ๐ž๐ง๐ญ๐จ.

Perchรฉ di questo si tratta!

Siamo davanti alla vendita indegna di unโ€™opera dโ€™arte, di un bene di tutti, sottratto alla collettivitร , molto probabilmente da un tombarolo senza scrupoli che ruba memoria e calpesta lโ€™identitร  di un intero popolo.

Desideri acquistarloโ€ฆ non vuoi lasciarlo in mezzo a tanta incuria. Vuoi mostrarlo ad un esperto.

Giรน le mani da quel vaso!!!

Non puoi acquistare quel beneโ€ฆ anche se ammirarlo ti riempie di meraviglia.

Si tratta di unโ€™๐ž๐ซ๐ž๐๐ข๐ญร  ๐œ๐จ๐ฅ๐ฅ๐ž๐ญ๐ญ๐ข๐ฏ๐š riservata ai nostri figli, da proteggere e tramandare.

Non possiamo essere complici di un furto di un bene destinato ai nostri figli.

รˆ ๐œ๐จ๐ง๐ญ๐ซ๐จ ๐ง๐š๐ญ๐ฎ๐ซ๐š!

Acquistare opere dโ€™arte trafugate significa alimentare e incoraggiare un fenomeno criminale di elevata entitร  perchรฉ vuol dire privare la comunitร  di una parte della sua storia e delle sue radici, insabbiandone lโ€™identitร .

Senza contare lโ€™illecito che si compie.

Saremmo complici di un crimine contro il Patrimonio Culturale.

Saremmo complici di tombaroli, mercanti dโ€™arte senza scrupoli e di altre complesse organizzazioni criminali come le archeomafie.

Anche quando viene ritrovato in maniera casuale, che sia in una proprietร  privata, in un mercato o in unโ€™immersione subacquea, un bene culturale appartiene allo Stato.

Se non si รจ in grado di configurare quel bene, nel dubbio, occorre avvisare entro 24 ore la Soprintendenza ai Beni Culturali o il Sindaco o le forze dellโ€™ordine, come prevede il Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Tutti i beni che presentino interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico sono Beni Culturali e trattenere un oggetto che abbia una di queste caratteristiche รจ un reato, unโ€™appropriazione indebita, che si accompagna al reato di omessa denuncia e al successivo di possesso illecito di beni culturali.


๐™Ž๐™–๐™ก๐™ซ๐™ž๐™ฃ๐™– ๐˜พ๐™ž๐™ข๐™ž๐™ฃ๐™ค



6 views0 comments
bottom of page